Scoprire Napoli

Gli allievi guidati dalle docenti Rosaria Ciardiello e Donatella Molfino e da esperti esterni hanno partecipato con grandissimo interesse ottenendo eccellenti risultati, sviluppando la capacità di lettura di carte topografiche, l’orientamento, l’uso e la lettura critica della fotografia. Gli studenti hanno potuto vedere la loro città sotto una nuova luce studiandone, attraverso l’evoluzione storica, i principali monumenti ed hanno inoltre acquisito e migliorato le loro capacità di comunicazione e la proprietà di linguaggio.
Il progetto si è sviluppato in tre fasi, una prima realizzata attraverso una lezione frontale con l’utilizzo della LIM, una seconda dedicata alle uscite sul territorio e alla visita di monumenti del centro storico di Napoli durante la quale gli allievi hanno realizzato fotografie ed utilizzato le mappe topografiche e una terza di rielaborazione su mappa topografica e su cartelloni del percorso storico relativo sia alla lezione frontale che a quello delle uscite.
La manifestazione di chiusura del progetto (28 e 29 Maggio 2016) presso la Chiesa di Sant’Agrippino a Forcella, aperta appositamente dalla Curia di Napoli per l’evento, ha consentito agli studenti di presentare i risultati di tanti mesi di lavoro con loro piena soddisfazione. Durante le due giornate i ragazzi hanno illustrato i monumenti studiati e hanno tenuto visite guidate nell’area compresa tra Via Tribunali, Via Vicaria e via Sant’Agostino alla Zecca, mostrando le conoscenze e le competenze raggiunte in cinque mesi di attività.
La manifestazione ha avuto uno straordinario successo con una grande partecipazione di pubblico e una grande visibilità con articoli apparsi sui principali quotidiani della città e sul web che hanno sottolineato il grande lavoro realizzato per la valorizzazione e la conoscenza di tesori della zona di Forcella e in particolare della Chiesa di Sant’Agostino alla Zecca, ad oggi ancora in attesa di ultimazione dei lavori di restauro.
Anche quest’anno il progetto, giunto alla terza edizione, vedrà impegnati 25 alunni per cinque mesi a partire da gennaio 2017 e avrà il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Polo museale della Campania, della Soprintendenza alle Belle Arti e al Paesaggio, della Soprintendenza Archeologica, della II Municipalità di Napoli, della Curia, del Banco di Napoli e della Fondazione del Pio Monte di Misericordia.
Gli allievi si occuperanno in modo particolare dell’insula dell’Annunziata, delle Chiese dei Santi Crispino e Crispiniano, di S. Pietro ad Aram e di S. Maria a Piazza oltre che della Chiesa di Sant’Agostino alla Zecca.
Inoltre, quest’anno “Scoprire Napoli” si integrerà con un altro progetto della scuola “TrasArt” progetto nato in crowdfunding con FastUP School-l'iniziativa per la diffusione della cultura digitale nelle scuole italiane, promossa da Fastweb in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, realizzata utilizzando la piattaforma di crowdfunding di Eppela, che ha come obiettivo quello di rendere più attuale e continua la fruizione dei monumenti visitati, studiati e raccontati dai ragazzi. Utilizzando i più recenti sistemi tecnologici si favorirà la diffusione della cultura digitale tra i giovani, come indicato dal Piano Nazionale Scuola Digitale e, al contempo, si offrirà un servizio alla cittadinanza e ai visitatori che potranno usufruire gratuitamente di una guida interattiva e georeferenziata.
Il nostro obiettivo, infatti, è quello di realizzare una piattaforma web dove sono contenute le informazioni relative ai monumenti oggetto di studio dei ragazzi. I contenuti tutti realizzati dagli allievi si presenteranno in diversi formati, video, audio, fotografici, e nelle tre lingue, Italiano, Inglese e Spagnolo. L’accesso ai contenuti avverrà attraverso il web e successivamente anche attraverso la lettura, con un qualsiasi dispositivo mobile, del codice QR che ci proponiamo di apporre in prossimità di ognuno dei monumenti considerati.